Montagne croate - Klek, la montagna di un gigante addormentato

Montagne croate - Klek, la montagna di un gigante addormentato

Guidando dall'autostrada A1 (Zagabria - Spalato) dalla direzione di Zagabria verso il mare Adriatico una particolare montagna attirerà sicuramente la vostra attenzione. Da qualche parte dopo Bosiljevo, vicino a Ogulin, la sua forma caratteristica non sarà in grado di passare inosservata. Entrando in Ogulin, l'imponenza della montagna Klek sta diventando sempre più evidente. I punti di partenza per i sentieri escursionistici sono da entrare in Ogulin dirigendoti verso la montagna. Ci sono diversi sentieri di montagna segnalati, più brevi e più lunghi. Abbiamo scelto il percorso più visitato e montuoso noto come sentiero didattico. L'inizio di questo percorso inizia nel villaggio di Bjelsko, più precisamente nella casa degli scout.

Klek

In tutto il percorso escursionistico ci sono cartelli informativi sulla biodiversità e interessanti informazioni e leggende in croato e in inglese sulla montagna di Klek. Poco prima dell'arrivo nella casa alpinistica di Klek, una delle iscrizioni attirerà la vostra attenzione: "Benvenuti nell'impero delle streghe Klek".

Numerose leggende e miti sono associati a Klek. Anche nel XVII secolo, Ivan Valvazor, storico e scrittore di viaggi, scrisse una leggenda su come fu creata la montagna di Klek. In quei tempi antichi, quando gli dei e i giganti vivevano sulla terra, c'era una lite tra di loro. La ragione è che gli dei prendevano tutto il cibo e le bevande per se stessi e lasciavano morire i giganti. Uno dei giganti chiamato Klek si ribellò e combatté con il dio di Volos. Dio Volos lo ha punito perché ha osato ribellarsi e lo ha trasformato con la sua spada magica in una pietra. Nei momenti difficili di trasformarsi in pietra e in una splendida montagna, Klek promise che un giorno si sarebbe risvegliato e vendicato. Durante i giorni tempestosi, le streghe stanno venendo a Klek che stanno cercando di svegliare il gigante addormentato. In effetti, quando guardi da lontano Klek, vedrai il profilo di un gigante sdraiato sulla sua schiena, la sua testa è il picco della montagna Klek, e le gambe del gigante addormentato sono due scogliere del picco Klečica.

Klek

Dopo aver superato il rifugio, che si trova esattamente a 1000 m sul livello del mare, il sentiero porta più in alto verso la cima di Klek (1173 m). Questa parte è abbastanza ripida in relazione alla parte del percorso escursionistico ed è parzialmente assicurata dalla corda. Dalla cima è una bella vista di Bjelolasica, Risnjak e l'intera regione di Ogulin.

È interessante menzionare che la montagna di Klek è sulla bandiera dell'Associazione alpinistica croata come uno dei simboli.

Discendendo da Klek, è davvero un peccato non visitare, almeno per un po 'una bella città di Ogulin. Secondo i dati disponibili, l'Ogulin fu creato alla fine del XV secolo quando la famiglia dei Frankopan nobile costruì una fortezza, la Fortezza Frankopan. Oggi questo castello è usato come museo.

Ogulin

Vicino al castello, c'è un abisso del fiume Dobra sotto il nome di Đulin abisso. Per quanto riguarda la montagna, Ogulin ha anche molte leggende. Quindi uno di loro è legato a questo abisso.

Secondo la leggenda, l'abisso di Đulin prende il nome dalla ragazza Đula che visse ad Ogulin nel XVI secolo. A quel tempo i matrimoni concordati erano normali. Quindi, Đula fu promessa a un vecchio nobile per una donna. Era il periodo in cui si svolgevano grandi battaglie con i turchi e, per difendere la fortezza dei Frankopan a Tounje, arrivò a Ogulin il giovane capitano Milan Juraić. La leggenda dice che un incontro tra Milano e Đula è stato sufficiente per i due innamorarsi. Sfortunatamente, l'amore non durò a lungo perché Milano fu uccisa in una delle battaglie con i turchi. La notizia raggiunse presto Đula, che aveva il cuore spezzato e si uccise gettandosi nell'abisso del fiume Dobra. In onore dello sfortunato amore di Đula, i locali di quel periodo chiamavano l'abisso del fiume Dobra - l'abisso di Đulin.

Ogulin

Ogulin è associato al nome della famosa scrittrice croata Ivana Brlić-Mažuranić, spesso indicata come la croata Hans Christian Andersen. Personaggi dai suoi fantastici libri come Kosjenka e Regoč, Stribor, Palunka, Vjesta, Potjeh, Malik Tintilinić, Svarožić e Bjesomar possono essere visti in Ogulin nella casa della fiaba di Ivana che funge da museo multimediale e interattivo di fiabe.

A causa dell'importanza della famiglia dei Frankopan per la fondazione di Ogulin, vicino alla Fortezza Frankopan si trova l'hotel Frankopan, un edificio del XVIII secolo, costruito nel XIX secolo per scopi amministrativi e successivamente trasformato in hotel e ristorante . Abbiamo finito il nostro viaggio qui provando uno dei loro tanti deliziosi pancake.

Ogulin

Se vuoi stare circondato dalla natura o magari provare a prendere una strega dalla montagna Klek durante una notte tempestosa, cerca una sistemazione a Ogulin. Puoi soggiornare in molti alloggi privati per famiglie in appartamenti, camere o case vacanza! I padroni di casa saranno felici di scoprire tutte le attrazioni della zona di Ogulin!

Tags: Klek, Ogulin, montagne croate

Ci piacerebbe sentire i vostri commenti, storie ed esperienze in Croazia nei commenti qui sotto


Appartamenti consigliati e alloggi privati in Croazia