Il patrimonio mondiale dell'UNESCO in Croazia

Il patrimonio mondiale dell'UNESCO in Croazia

La prima impressione quando qualcuno parla della Croazia è una vacanza, il mare blu dell'Adriatico e le spiagge, tuttavia, la Croazia ha molti monumenti storici e culturali riconosciuti al di fuori dei suoi confini. Una delle più famose liste internazionali di beni culturali e naturali è la lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO. Inserendo una lista culturale o naturale nella lista del patrimonio mondiale, l'UNESCO contribuisce a preservare il patrimonio naturale e culturale di un paese o regione, aiuta ad aumentare la conoscenza e promuove la conoscenza dei luoghi, fornisce aiuto necessario e avvia la cooperazione tra i membri .

Il patrimonio culturale e naturale della Croazia elencato nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO è: Parco nazionale dei laghi di Plitvice, Basilica Eufrasiana a Poreč, Palazzo di Diocleziano e Spalato medievale, Città vecchia di Dubrovnik, Città storica di Trogir, Pianura di Stari Grad sull'isola di Hvar, la cattedrale di San Giacomo a Šibenik, stećci - pietre tombali medievali, opere di difesa veneziane tra il XVI e il XVII secolo e antiche e primitive faggete dei Carpazi e di altre regioni d'Europa.

Parco nazionale dei laghi di Plitvice, Lika

Plitvice

Laghi di Plitvice è il parco nazionale più famoso e visitato della Croazia, che è stato dichiarato parco nazionale nel 1949. Laghi di Plitvice si trova vicino a Korenica, nel centro di Lika, e si compone di 16 laghi collegati circondati da ripide scogliere e fitte foreste , che sono abitati da orsi e lupi. Una delle peculiarità dei Laghi di Plitvice è il fenomeno del "carice", per cui i depositi di carbonato di calcio vengono costantemente costruiti e formati. La cascata più alta del Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice è alta 70 metri, dopo di che inizia il flusso del fiume Korana. Il Parco nazionale dei laghi di Plitvice è uno dei due siti naturali croati elencati nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO ed è stato incluso nel 1979.

Basilica Eufrasiana, Poreč

Poreč

La Basilica Eufrasiana prese il nome dal vescovo Eufrasio I, che iniziò a ristrutturare la cattedrale intorno al 553 d.C. I bellissimi mosaici della Vergine Maria sul trono, i martiri e Cristo sono stati conservati fino ad oggi. Per questo motivo, molti considerano la Basilica Eufrasiana uno dei monumenti più belli e conservati della cultura e dell'arte bizantina dell'Europa orientale. Gli storici credono che ci fossero almeno due chiese paleocristiane nel luogo in cui fu costruita la basilica Eufrasiana nel VI secolo. Oltre alla basilica, il complesso della Basilica Eufrasiana comprende il Mauro Orion, la Sagrestia, il Battistero, la Chiesa Parrocchiale, il Palazzo Vescovile e il Campanile. Nel corso degli anni, la Basilica Eufrasiana subì diversi cambiamenti e l'attuale stile gotico fu in gran parte formato tra il XIII e il XV secolo, mentre il campanile fu costruito nel XVI secolo.

Palazzo di Diocleziano, Spalato

Split

Il Palazzo di Diocleziano fu costruito tra la fine del 3 ° secolo e l'inizio del 4 ° secolo durante il regno dell'imperatore Diocleziano. Dopo il suo ritiro, l'imperatore romano Diocleziano soggiornò nel palazzo di Diocleziano fino alla sua morte (316). Il Palazzo di Diocleziano è uno dei monumenti bizantini meglio conservati nell'Europa orientale e fu costruito a circa 5 chilometri da Solin (a quel tempo si chiamava Salon), che era il centro della provincia romana della Dalmazia. Il Palazzo di Diocleziano fu costruito come una combinazione di una lussuosa villa sul lato sud e un campo militare ("castrum") per i soldati romani a nord, e ha dimensioni di 180 x 215 metri. All'interno del palazzo di Diocleziano, c'è il mausoleo di Diocleziano che fu successivamente (intorno al V secolo) convertito in chiesa cristiana. Inoltre all'interno si possono trovare chiese romaniche (del 12 ° e 13 ° secolo), palazzi gotici, barocchi e romanici e piccole fortezze medievali.

Città Vecchia, Dubrovnik

Dubrovnik

Nel 13 ° secolo, la città di Dubrovnik divenne una forza navale e basò il suo sviluppo sulla diplomazia e il commercio marittimo. Come capitale della Repubblica di Dubrovnik, Dubrovnik fu al vertice durante il XV e XVI secolo, e la sua ricca storia e cultura è ancora visibile oggi. La città vecchia di Dubrovnik rappresenta i ben noti 2 chilometri di mura cittadine di Dubrovnik che circondano il centro storico. Le mura cittadine di Dubrovnik e il centro storico di Dubrovnik sono uno dei monumenti storici meglio conservati del Mediterraneo. Questi sono solo alcuni dei motivi per cui Dubrovnik è stata per anni una delle città più visitate della Croazia. Oltre alle mura della città, la città vecchia di Dubrovnik è piena di chiese rinascimentali, gotiche e barocche, palazzi, musei, monasteri e fontane ed è una casa di Stradun - la strada principale di Dubrovnik.

Il centro storico, Trogir

Trogir

La città di Trogir ha una tradizione urbana molto lunga poiché è diventata una città 23 secoli fa. Nel corso dei secoli, Trogir è stata influenzata da stili greci, romani e veneziani le cui caratteristiche sono ancora visibili oggi. Questa splendida città romanico-gotica è una delle più belle città-musei che è entrata nella lista del patrimonio culturale mondiale. La città di Trogir ha numerosi monumenti architettonici e culturali - dal bellissimo centro storico di Trogir fino alla cattedrale di San Lorenzo costruita nel 12 ° secolo, il museo cittadino, i monasteri, le chiese e l'esclusivo portale di Radovan. Il vecchio piano stradale della città risale al periodo ellenistico, mentre le chiese romaniche sono decorate con dettagli barocchi e rinascimentali, rendendo il centro storico di Trogir unico al mondo.

La piana di Stari Grad, l'isola di Hvar

La piana di Stari Grad sull'isola di Hvar è entrata nella Lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO nel 2008. Ciò che rende unica la Pianura di Stari Grad è la conservazione di un paesaggio culturale rimasto quasi invariato dal IV secolo aC, quando i greci ionici di Paros sistemato quest'area. Su un terreno fertile della pianura di Stari Grad erano coltivate principalmente olive e vigneti, e questa tradizione è rimasta invariata fino ad oggi. In questa zona, ci sono molti piccoli edifici in pietra e antichi muri a secco che confermano che gli antichi greci usavano la divisione geometrica della terra. Questi edifici in pietra sono rimasti intatti anche dopo 24 secoli.

La Cattedrale di San Giacomo, Sebenico

Šibenik

La Cattedrale di San Giacomo ("katedrala Sv. Jakova") a Sebenico è uno dei più importanti monumenti architettonici e storici di questa parte d'Europa, quindi non sorprende che l'UNESCO abbia incluso la cattedrale nella lista del patrimonio culturale mondiale. La Cattedrale di San Giacomo fu costruita per più di cento anni - secondo i documenti conservati, la costruzione iniziò nel 1431 e fu completata nel 1535. La cattedrale fu progettata e costruita da tre diversi architetti in tre stili diversi - gli architetti erano Francesco di Giacomo, Nikola Firentinac e Juraj Dalmatinac. Ciò che rende unica la cattedrale è che nella costruzione si usava solo la pietra. La cattedrale di San Giacomo è ricca di splendidi dettagli, statue, sculture, volte ornate che sono i migliori esempi di miscela riuscita di arte gotica e rinascimentale. Quindi, la cattedrale è stata il gioiello di Sebenico e dell'intera regione per secoli.

Stećci, Cista Provo e Konavle

Stećci sono lapidi in pietra calcarea costruite nel Medioevo - dal XII al XVI secolo. Stećci conteneva vari ornamenti e iscrizioni che trasmettono la tradizione della gente e della comunità locali. Ci sono più di 4000 di stećci, situati in 28 diverse località in Bosnia-Erzegovina (20 località), Montenegro (3 posizioni), Serbia (3 posizioni) e Croazia (2 località). Stečci è la prova della ricchezza storica, artistica e spirituale della popolazione locale. In Croazia, gli stećci si trovano a Cista Provo, vicino a Imotski ea Konavle, sulla collina di Varina, vicino alla piccola chiesa di Santa Barbara.

Opere di difesa veneziane tra il XVI e XVII secolo, Sebenico e Zara

Le opere di difesa veneziane, iscritte nell'elenco del patrimonio mondiale dell'UNESCO, si possono trovare in tre paesi: Italia, Montenegro e Croazia. Le città o le fortezze delle opere di difesa veneziane tra il XVI e il XVII secolo sono caratterizzate da un'organizzazione unica, un'architettura militare ("alla modello moderna") e si configurano con lo scopo principale di difesa dei porti navali nel Mar Mediterraneo e importanti rotte commerciali. Le opere di difesa veneziane sono costituite da 6 componenti che si estendono per circa 1000 chilometri, dalla Lombardia in Italia all'Est del Mare Adriatico. Le opere di difesa conservate in Croazia sono la fortezza di San Nicola a Sebenico e il sistema di difesa a Zara. Altre opere di difesa veneziane conservate si trovano in Italia (Fortezza Palmanova, Peschiera del Garda e Bergamo) e in Montenegro (la città di Kotor).

Faggi antichi e primitivi dei Carpazi e di altre regioni d'Europa

Le antiche e primitive foreste di faggi dei Carpazi e di altre regioni d'Europa si estendono attraverso 12 paesi diversi. Il faggio europeo è adattabile alle diverse condizioni geografiche e climatiche e, quindi, dopo la fine dell'ultima era glaciale, ha iniziato a diffondersi tra i Carpazi, le Alpi, i Pirenei, il Mediterraneo e le Dinaridi. Oltre alla Croazia, la foresta di faggi si è diffusa in Ucraina, Germania, Belgio, Albania, Austria, Italia, Bulgaria, Romania, Slovenia, Slovacchia e Spagna. Le faggete hanno continuato a diffondersi fino ad oggi. La foresta di faggi in Croazia si trova in due località nel Parco nazionale del Velebit settentrionale, con una superficie totale di quasi 1290 ettari e nel Parco nazionale di Paklenica, con una superficie totale di quasi 2030 ettari.

 

Oltre alla lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO, vi è anche la lista provvisoria di siti culturali e naturali della Croazia che sono stati nominati nell'elenco principale. Questa lista provvisoria comprende: l'Hermitage Blaca sull'isola di Brač, Zara - il complesso episcopale, la città storica di Korčula, il parco nazionale di Kornati e il parco naturale di Telašćica, il limes croato vicino al Danubio, i vigneti di Primošten, la città di Montona, il monte Velebit , Lubenice sull'isola di Cres, nucleo storico e centro storico a Varaždin, la fortezza di Osijek Tvrda, l'estensione del palazzo di Diocleziano e il nucleo storico di Spalato, l'ensemble storico urbanistico di Ston con Mali Ston, Burg - castello di Veliki Tabor, e il parco naturale di Lonjsko polje.

Tags: UNESCO, attrazioni culturali, monumenti storici, siti naturali, patrimonio mondiale

Ci piacerebbe sentire i vostri commenti, storie ed esperienze in Croazia nei commenti qui sotto